Iscrizione Online

Da quest’anno puoi saltare la fila alle casse acquistando il biglietto online, con PayPal o con qualsiasi carta di credito.

Acquistare il biglietto è facilissimo, basta seguire i passaggi qui sotto:

  1. Andare al nostro sito dedicato https://online.gruppiunitipero.org
  2. Compilare con attenzione tutti i campi, specialmente l’email altrimenti non potrete ricevere i biglietti.
  3. Selezionate il numero di biglietti “Adulto” (€6 euro cad.) ed il numero di biglietti “Bambino” (€5 euro cad.). Con il biglietto adulto, oltre a tutto quanto offerto durante la Camminata, si riceverà anche un pacco di pasta. Con il biglietto bambino una maglietta, un cappellino ed un simpatico gadget. La taglia massima è 12 anni.
  4. Quando pronti cliccare su “PAGA ORA!”.
  5. Se si dispone di un account PayPal effettuare l’accesso con quello, altrimenti cliccare su “Paga con una carta”
  6. Procedere con il pagamento. In caso di pagamento con carta compilare tutti i campi richiesti, sapendo che i biglietti saranno inviati a mezzo email.

7. Una volta ricevuta la mail stampatela e portatela con voi alla Camminata per iniziare la vostra avventura!

8. Si ricorda che il biglietto non è rimborsabile.

Sicurezza in Rosa

La necessità di garantire la sicurezza ai propri volontari e a coloro che partecipano alle manifestazioni è una questione che da sempre il G.U.P ha messo al primo posto nella scala degli obiettivi. Fin dall’entrata in vigore della direttiva Morcone, l’associazione ha seguito e applicato le procedure da questa previste: la direttiva, infatti, propone modelli organizzativi per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche.

Per questo, a partire dal 2017, l’organizzazione ha selezionato e formato una squadra di persone per presidiare i propri eventi: queste sono state istruite e formate dai Vigili del Fuoco e, dopo aver ricevuto l’attestazione, hanno iniziato ad operare. La debolezza di questo gruppo risiedeva però nel fatto che fosse composto da soli uomini. 

Negli ultimi mesi, perciò, il G.U.P con l’aiuto dell’Amministrazione Comunale, ha selezionato e formato anche una squadra interamente femminile, anch’essa formata dai VVF. Questa scelta conferma l’animo pionieristico dell’associazione, che dimostra così una certa sensibilità riguardo il tema della discriminazione di genere. 

Fanno parte della nuova squadra rosa sette donne, da tempo partecipi nelle varie attività e festeggiamenti: Mara Donadi, Fiorenza Zanette, Diana Pozzobon, Giulia Da Ros, e Monica Centenaro.

Il loro compito consiste nel presidiare tutti gli eventi (compresi quelle del NOI e del NOI GYM) in modo da poter gestire e coordinare eventuali situazioni di emergenza, in primis in caso di incendio. A loro spetta controllare la regolarità dello svolgimento, degli strumenti antiincendio, dell’affluenza e della fruibilità dei presidi di soccorso.

È facile cadere nella tentazione di considerare queste mansioni come attribuibili solo a una personalità maschile. Il G.U.P, invece, ha riconosciuto che, in realtà, nell’emergenza, ci sono situazioni dove la presenza femminile può infondere molta più sicurezza e coraggio di quella maschile. Le due componenti, maschile e femminile, lavorano complementarmente: la soluzione delle emergenze non è solo una prova di forza fisica, ma la capacità di stemperare le tensioni, di pacare il caos, di infondere tranquillità e coraggio ad adulti, bambini, anziani.

Carnevale 2019

Presentazione del carro allegorico domenica 27 gennaio 2019 alle ore 14:30
presso il capannone dell’associazione GUP di Pero (dietro la Chiesa).

Li conoscete i Pirati? Immaginiamo di sì: amano sentirsi i sovrani del mare; destreggiandosi spericolati tra saccheggi e rapine stuzzicano un pizzico di ammirazione da parte di tutti.
Ma sapete anche chi è il loro acerrimo e unico nemico? Per ora vi possiamo accennare che si tratta di una creatura marina mostruosa. Altri indizi? Il suo manto è rosso e riesce a incutere talmente tanta paura che ognuno cerca una via di fuga: alcuni Pirati la trovano nascondendosi alle sue spalle, altri prendendo una scialuppa o nascondendosi dentro al forziere del loro vascello.
È questa la storia che quest’anno ha ispirato il Gruppo del Carnevale di Pero: 120 figuranti, animati dallo scopo di divertirsi e di trascinare il pubblico in un’atmosfera di festa ed allegria, rappresenteranno una coreografia nella quale i Pirati combatteranno e saranno sempre attenti a scrutare l’orizzonte per scorgere il pericolo in agguato.

Ecco svelato il motivo del titolo ‘Si salvi chi può’, motto che regola tutte le avventure che i nostri protagonisti devono affrontare quando hanno a che fare con la misteriosa creatura. Se volete scoprire di che cosa si tratta, potete partecipare alla festa di presentazione del carro allegorico domenica 27 gennaio 2019 alle ore 14:30 presso il capannone dell’associazione GUP di Pero, che ospita e supporta il Gruppo Carnevale nelle sue iniziative. Inoltre, potrete seguire le nove sfilate a cui parteciperà, che si terranno nei vari paesi delle Province di Treviso e Venezia.
Nel frattempo, in attesa di poter notare con piacere la vostra presenza a questi eventi, il Gruppo del Carnevale vi ringrazia per l’entusiasmo e la partecipazione che avete da sempre mostrato accompagnando con gioia le sfilate passate.

Scarica la locandina

Panevin 2019

Sabato 5 gennaio 2019 alle ore 20.00 nell’area retrostante la Chiesa di Pero di Breda di Piave torna il tradizionale Panevin con l’arrivo della Befana.

Un appuntamento che tutti i paesani di Pero aspettano con gioia insieme ai loro bambini è certamente il giorno dell’epifania: l’atmosfera creata dal caldo fuoco del panevin, che fa da sfondo all’arrivo della Befana e delle sue calze, è una consuetudine a cui è sempre più difficile mancare.

I primi anni la Befana arrivava sul piazzale dietro la Chiesa e, a bordo di un grande camion, offriva le calze a tutta la moltitudine che si era creata dietro al carro. Padri, zii, padrini e fratelli maggiori avevano l’oneroso compito di caricare in spalla i bambini e farli arrivare il più in alto possibile per far sì che fossero tra i primi a ricevere il dono. 

La Befana ha sempre amato fare la diva nel momento in cui arriva a Pero: ecco che col tempo è passata dal lanciare calzette gratis come fossero plettri scagliati sulla folla di fan di una popstar al salire sul palco del GUP come protagonista di uno spettacolo teatrale. 

La vecchiaia però piano piano avanza sempre più: è così che, da dolce streghetta anziana, ha deciso quest’anno di farsi attendere un po’ di più e, nel corso della serata, lasciare più spazio ai ragazzi, i quali rappresenteranno una scenetta che avrà come tema la storia della stessa Befana e le usanze tipiche dei vari paesi nel giorno della sua festa.

Vi starete legittimamente chiedendo “E il panevin?” Come saprete, il GUP da anni dimostra sensibilità per l’ambiente ed un chiaro esempio sono le vettovaglie interamente biodegradabili usate durante le feste. Il 5 gennaio l’associazione confermerà questa positiva tendenza realizzando un falò ‘essenziale’, in modo da portare avanti una tradizione importante, senza però nuocere alla natura. 

Se ancora non siete del tutto convinti che essere presenti il 5 sera valga veramente la pena, è bene che sappiate che, oltre alla calza, la Befana ha un’altra sorpresa in serbo per voi. Se siete curiosi di scoprirla, venite a degustare un buon vin brûlé e una fetta di panettone assieme a noi!

Il Presidente, Davide Mestriner, è orgoglioso del fatto che il GUP resti sempre punto di incontro per giovani e adulti anche in questa occasione; commenta inoltre così la scelta in merito al panevin: “La nostra associazione non solo è attenta all’ambiente, ma è ancor di più in prima linea nell’ambito del rispetto delle norme di sicurezza. Negli ultimi anni abbiamo investito molto nella messa in sicurezza di impianti, cucine e, in generale, della struttura che ospita le nostre attività: è nostra priorità che ciò valga anche per il nostro caro panevin.”

Chi siamo

Il G.U.P. (Gruppi Uniti Pero) è un nuovo gruppo di promozione sociale (divenuto Ente ONLUS il 3/7/2006) costituito con lo scopo di incentivare attività legate alla tradizione del nostro paese, organizzare eventi, e una serie di progetti di aggregazione, ricreativi e socio-culturali

 

Il gruppo è formato da persone di tutte le età, rappresentanti di associazioni e dei gruppi paesani, da qui il nome Gruppi Uniti Pero tanti piccoli gruppi uniti per uno scopo comune, tenere vivo il paese.

Le radici di questo Gruppo sono però lontane, infatti anni fa a Pero si era costituito un comitato di borgata in Via don A. Asti per organizzare feste della via e piccoli ritrovi.
Il comitato e alcuni genitori della scuola d’infanzia con a capo Moreno Pivato, a cui stavano a cuore le sorti del paese, ha deciso così di lanciare la proposta di fusione a tutte le associazioni del paese, ai giovani e agli imprenditori locali, lasciando inalterata la realtà delle varie associazioni.
L’idea è stata accolta favorevolmente e a oggi il G.U.P. conta più di 300 soci, gestisce la sua struttura polivalente (capannone e cucine) dietro la chiesa, risultato di un’efficiente amministrazione autosostenuta, alla raccolta fondi dalle iniziative, ma soprattutto grazie alla disponibilità, all’impegno e costanza di tutti i volontari, al contributo di famiglie e al sostegno di imprenditori locali.

Festeggiamenti di Ferragosto

Nel 1970 un gruppo di paesani diede vita ai Festeggiamenti di Ferragosto in sostituzione alla tradizionale “Sagra dell’Assunta” che prevedeva come uniche manifestazioni la Processione solenne religiosa ed il Minifestival.
In seguito vennero aggiunte altre manifestazioni culturali e di divertimento: dalle giostre alle orchestre e cantanti di fama nazionale come Heather Parisi nel 1983, Litfiba nel 1985, tutta una serie di orchestre di liscio affermate in quel periodo e per i più giovani la discoteca.Tutto questo, con l’andar degli anni, consentì di far conoscere i Festeggiamenti ad un territorio sempre più allargato e annoverare tale manifestazione tra le più titolate e famose della provincia.
Dopo alcuni anni di stallo, grazie alla nascita del G.U.P., ci fu un ringiovanimento generale delle attività e la ripresa dei festeggiamenti; i cambiamenti più significativi furono quello di spostare il minifestival nel periodo della festa dei bambini con la Camminata del Draghetto, e l’inserimento di nuove attività per tutti i gusti come il calcio Saponato, i mercatini “arti e mestieri” e i giochi gonfiabili tutte le sere.
Tante novità ma il punto di forza dei festeggiamenti è diventato lo stand gastronomico, negl’ultimi anni infatti gli organizzatori hanno voluto puntare su una accoppiata di carni insolite ma particolarmente apprezzate, la carne di “Musso” (termine dialettale di asino) con lo spezzatino e le pappardelle al sugo, e la carne di struzzo con l’antipasto di roastbeef e come secondo piatto la tagliata.

L’idea di queste carni è nata per due motivi:
– portare in tavola la carne d’asino, animale presente nelle aziende agricole del nostro paese, che troviamo nelle tradizioni contadine di una volta con lo spezzatino di musso, tipico stufato della cucina contadina veneta, che richiede una lunga cottura affinché la carne diventi tenera e il sugo (tocio in dialetto) diventi denso e saporito per consumarlo con un bel paio di fette di polenta.
– L’altro motivo è quello di inserire una carne più ricercata e raffinata come quella di struzzo, tenerissima di colore rosso intenso come il filetto di bovino, ma dal sapore dolce e simile alla carne di cavallo. Le proprietà nutrizionali sono il basso contenuto di grassi e poco sodio, ricca di Omega3, di proteine e di vitamine PP, A e C. La carne di struzzo ricca di ferro è consigliata agli sportivi, ai ragazzi, alle donne in gravidanza e tutti coloro che desiderano un’alimentazione sana ed equilibrata.

Per i palati più tradizionali sono presenti nel menù un’ampia scelta di piatti locali come trippa, costicine e salsicce, affettati e formaggi, o i buonissimi e particolari “Spaghetti del Drago” così chiamati perché piccanti e inventati dai cuochi del G.U.P. in occasione della Camminata del Draghetto.

5 x 1000 al GUP

COME DONARE IL 5×1000

Nel modulo della Dichiarazione dei redditi (730, CUD, Unico) trovi il riquadro per la “SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELL’IRPEF”.

Firma e inserisci il codice fiscale Gruppi Uniti Pero 94112400265 nello spazio dedicato al “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale ecc”.